E-mail marketing per e-commerce: 10 strategie per la crescita del tuo negozio online

E-commerce marketing, Crescita

Di Marco Pericci /

illustrazione di Francesco Zorzi

E-mail marketing per e-commerce: 10 strategie per la crescita del tuo negozio online

Se un brand è in grado di instaurare con la sua clientela un buon rapporto di comunicazione, allora questo marchio raggiungerà sicuramente un ottimo livello di apprezzamento e ciò vale in modo particolare per un e-commerce. 

Un’attività di questo tipo, infatti, ha come obiettivo primario quello di vendere quanto è presente all’interno del catalogo. Se un cliente si è dimostrato interessato a un prodotto di uno shop online ma non ha concluso l’acquisto, allora significa che questo individuo necessita di un ulteriore stimolo per passare all’azione. Come fare per incentivarlo?

L’unica soluzione è quella di mettere a punto un’adeguata strategia di e-mail marketing.

L’e-mail marketing di un e-commerce, dunque, è uno strumento essenziale per coloro che possiedono un negozio online perché non solo aumenta la possibilità di vendita, ma è anche un mezzo per incrementare la credibilità del brand.

I mezzi di cui si avvale l’e-mail marketing sono davvero innumerevoli e tra questi rientrano le mail promozionali (come le newsletter per e-commerce) e quelle transazionali, create invece per confermare appunto una data transazione.

Quello che vedremo nelle prossime righe, pertanto, è una vera e propria analisi delle peculiarità di questo strumento e delle strategie che, se studiate nel modo giusto, possono risultare davvero rilevanti nel progetto di crescita del tuo e-commerce.

Email marketing per l’e-commerce: come funziona

Come dicevamo poco sopra, quando si parla di e-mail marketing si intende quella strategia volta a fidelizzare un cliente e ad aumentare il numero di vendite complessive. Ma come funziona l’invio di e-mail per un e-commerce?

Il primo e fondamentale punto da cui bisogna partire per mettere in atto tale piano strategico è quello di raccogliere i contatti dei clienti. Questa azione, generalmente, va eseguita quando un utente ha effettuato l’acquisto presso il tuo negozio e lascia a disposizione i suoi dati identificativi per conoscere lo stato dell’ordine, della spedizione e del pagamento.  

Tuttavia, questa non è l’unica maniera attraverso cui si possono ottenere contatti. Difatti questa azione può essere eseguita anche sfruttando altri mezzi e tra questi rientrano l’iscrizione al sito necessaria per poter acquistare un prodotto o per inserirlo nella lista dei preferiti. 

In secondo luogo, c’è un’importante distinzione da tenere a mente ed è quella tra:

  • e-mail di transazione
  • e-mail di promozione

Nel primo caso si tratta di e-mail che il cliente riceve dopo aver eseguito una transazione sul tuo e-commerce e, proprio perché il loro unico scopo è quello di informare l’utente sul pagamento,la transazione e lo stato dell’ordine, si tratta di e-mail piuttosto rigide e seriose.

Nel secondo caso, invece, le mail che vengono spedite agli utenti sono finalizzate alla promozione e presentano un tone of voice molto differente rispetto alle precedenti. Il loro obiettivo, infatti, è proprio quello di invogliare il consumatore ad acquistare ancora e come farlo se non tramite sconti, promozioni, coupon e tanto altro?

Anche se le due precedenti categorie sono le più rilevanti ai fini della vendita e della fidelizzazione, vi è anche un’altra tipologia di mail che ricopre un ruolo importante all’interno della strategia di e-mail marketing ed essa corrisponde alla mail di benvenuto: il testo che viene riportato all’interno di questa mail ha come obiettivo primario quello di ringraziare il cliente per essersi registrato ed essendo il primo momento di contatto tra brand e utente, questa mail è anche un’ottima occasione per mettere in risalto i propri punti di forza.

Ora che hai visto le varie tipologie di mail che costituiscono il piano strategico di un e-commerce, è giunto il momento di vedere come queste informazioni devono essere gestite. Nello specifico, ci sono 4 punti chiave che devono essere rispettati:

  • automazione: per evitare di perdere ore e ore nella gestione di ogni singolo utente, è importante rendere automatico l’ invio di ogni mail. Nello specifico, chi gestisce l’e- commerce deve prevedere l’invio automatico di una mail ogni qualvolta viene eseguita un’azione specifica (ad esempio dopo ogni acquisto). In questo modo, l’utente potrà sempre avere una conferma effettiva di ciò che ha appena fatto.
  • personalizzazione: bisogna progettare dei testi in relazione agli utenti finali ai quali sono indirizzati. Questo modo di agire non solo è essenziale per aumentare il tasso di conversione, ma serve anche a incentivare gli utenti ad aprire la mail. 
  • frequenza: ricevere troppe mail o troppe può danneggiare enormemente la campagna promozionale di un e-commerce. La soluzione ideale è trovare il giusto compromesso e fornire all’utente una dose di mail adeguata, sia lungo la settimana che in un intero mese.
  • interessi: se nel tuo e-commerce vendi diverse tipologie di prodotti, è bene suddividere le newsletter in relazione agli interessi che hanno mostrato i tuoi utenti. Ad esempio, se un utente è molto interessato a scarpe con il tacco, la strategia ideale sarà quella di inviargli e-mail relative a questo articolo e una singola e-mail che lo tenga aggiornato anche su tutto il resto. 

Come creare un piano di email marketing per il tuo negozio online

Fino ad ora sembra tutto molto facile e abbastanza chiaro. Come hai potuto leggere nel paragrafo precedente, ogni mail, in base allo scopo per la quale viene progettata e all’utente al quale è rivolta presenterà

  1. un preciso tone of voice
  2. un template adeguato 
  3. un’adeguata call to action

Tuttavia, sebbene prendere atto di queste piccole accortezze sia veramente importante ai fini di una strategia efficace, ciò non basta per definire un piano concreto. Per la creazione e la messa a punto di quest’ultimo, infatti, ci sono determinati punti da seguire e in questa parte di testo ci dedicheremo proprio a questi ultimi.

Chiunque possieda un e-commerce e che vuole investire in un piano di e-mail marketing per vedere il suo business crescere nel tempo deve necessariamente :

  • Eseguire un’analisi della tua brand personality, sviluppare una strategia di content marketing e isolare la unique selling proposition che ti rende unico tra tanti
  • Eseguire attività di benchmarking sulle scelte adottate dai tuoi competitor
  • Raccogliere gli indirizzi e-mail con form dedicati tramite promozione, contenuti, social, eventi live, eccetera
  • Eseguire la profilazione degli utenti e la loro segmentazione
  • Scegliere il software di invio e-mail, sviluppare i contenuti e il template
  • Elaborare i testi delle diverse e-mail conversazionali, transazionali e di prodotto, dall’e-mail di benvenuto alla conferma del proprio indirizzo, e così via
  • Automatizzare gli scenari ricorrenti
  • Sviluppare campagne di re-engagement
  • Eseguire un’accurata analisi dei dati e integrazione con sistemi di business intelligence.

Sarà inoltre fondamentale informarsi, facendo riferimento a un professionista legale, sugli aspetti legali e relativi alla privacy che devono essere considerati per essere in regola con le normative GDPR più recenti. 

Strategie di email marketing per e-commerce

Come parte conclusiva di questa guida informativa abbiamo deciso di indicarti 10 strategie che possono essere di grande aiuto al tuo negozio di vendite online. Si tratta di indicazioni generali e, ovviamente, esse possono essere tutte declinate a seconda delle peculiarità del tuo brand e dei tuoi obiettivi di business. 

1) Lancio di nuovi prodotti

Hai sviluppato un nuovo prodotto, nel tuo e-commerce è finalmente arrivato un pezzo atteso da tanto? L’annuncio può ovviamente avvenire tramite l’invio di una campagna e-mail apposita che, oltre alla presentazione del prodotto in sé, può veicolare un’offerta dedicata o un lancio promozionale. 

2) Sfruttare ricorrenze e stagionalità

Natale, festività, ricorrenze da calendario, ma anche ricorrenze importanti per te e per la tua community, per esempio “il giorno in cui hai aperto lo shop online” sono ottime occasioni per creare promozioni ad hoc e inviare la comunicazione tramite un’azione di e-mail marketing. 

3) Attività di re-engagement e customer loyalty

Una strategia molto efficace da mettere in campo è quella che si fonda sul consolidamento del legame con i clienti basato su momenti o caratteristiche importanti per quella specifica persona. Il re-engagement ha l’obiettivo di guardarsi la fiducia, mentre la customer loyalty quello di premiare la fedeltà. Messaggi di questo tipo contengono, per esempio, promozioni in occasione del compleanno o dell’anniversario di iscrizione. 

4) Incentivare il recupero carrello abbandonato

Il carrello può essere abbandonato per tanti motivi, non tutti relativi a un mancato interesse da parte dell’acquirente. Possono esserci difficoltà nel portare a termine la procedura, contrattempi, spostamenti in altre sezioni del sito, e altre deviazioni: proprio per questo, può essere utile inviare via mail, sia il giorno stesso che nei giorni successivi, un messaggio mirato al recupero del carrello, dove vengono eventualmente proposti anche servizi aggiuntivi, assistenza al cliente o consulenze per gli acquisti. 

5) Premiare i clienti vip

Tra i tuoi clienti ci potrebbero essere alcuni “compratori top”, ovvero profili che, per numero di acquisti o entità della spesa, si distinguono in modo particolare. Si tratta molto probabilmente di clienti altamente fidelizzati, che ti consigliamo di “coccolare” in modo particolare, inviando a loro offerte dedicate, in linea con le loro abitudini e intenzioni di acquisto. 

6) Attività di up-selling e cross-selling

Azioni di questo tipo sono molto importanti, perché hanno l’obiettivo di condurre i clienti ad acquistare prodotti correlati (cross-selling) o di fascia superiore (up-selling). Up-selling e cross-selling condotti in modo efficace sono vere e proprie consulenze per gli acquisti, attraverso l’invio di suggerimenti che migliorano l’intera esperienza del cliente. 

7) Comunicare promozioni e codici sconto riservati 

Gli iscritti alla tua newsletter si sentiranno particolarmente fortunati se potranno ricevere promozioni esclusive e codici sconto riservati a loro, e solo a loro, che magari arrivano in momenti inaspettati, o che offrono opportunità particolari. 

8) Veicolare contenuti esclusivi 

Oltre che promozioni, codici sconto e iniziative legate all’acquisto, può essere molto interessante utilizzare la newsletter come luogo in cui vengono rivelati e veicolati contenuti premium, dedicati solo agli iscritti. Potrebbe per esempio trattarsi di un ebook, un white paper, o di un freebie particolarmente appetibile che può essere scaricato solo dagli utenti registrati, o magari di un contenuto narrativo che, in base alle caratteristiche del tuo e-commerce e del rapporto con la tua community può essere un’interessante opzione premium.  

9) Inviare offerte a scadenza 

Tutto ciò che ha una scadenza sollecita l’urgenza: funziona così anche per le promozioni! Proprio per questo, gli iscritti alle tue liste potrebbero ricevere alcune mail che veicolano in modo verticale un’offerta che dura, per esempio, pochi giorni o poche ore. 

10) Promuovere offerte localizzate

Se il tuo e-commerce ha anche delle sedi fisiche, oppure se i tuoi prodotti sono rivenduti da alcuni negozi del territorio, potresti utilizzare l’e-mail marketing anche per promuovere iniziative che hanno a che fare con alcune aree geografiche, mirando quindi a fasce specifiche della tua clientela. 

E-mail marketing: consigli finali

Come avrai sicuramente percepito da questi paragrafi, anche l’e-mail marketing è un parte fondamentale per il successo e la crescita di un business online. Come ogni altra azione, anche questa richiede grande attenzione e dedizione ed è solamente agendo nel modo più appropriato che si potranno toccare con mano i risultati sperati. 

Ovviamente, per evitare di cadere in errori dovuti all’inesperienza, specie per chi è alle prime armi, è sempre meglio richiedere l’aiuto di professionisti qualificati. Queste figure, infatti, possono occuparsi della gestione delle questioni più ostiche e grazie al loro contributo puoi alleggerire di molto il peso e le responsabilità che derivano dalla  gestione di un e-commerce.

Noi di isendu, per esempio, abbiamo deciso di aiutare i proprietari di negozi online offrendo loro un servizio che semplifica enormemente sia la parte legata alla vendita che quella relativa alla logistica. Affidandoti a noi, infatti, hai la possibilità di gestire il tutto tramite un dashboard intuitiva e facile da usare, pensata appositamente per alleggerire il lavoro e i pensieri quotidiani e che permette di automatizzare diversi processi che, normalmente, richiedono la perdita di un’enorme mole di tempo (ad esempio la scelta del corriere a cui affidare l’ordine in base al luogo da cui esso proviene e la quantità di pacchi da inviare).

Anche per la questione relativa agli ordini puoi avere tutto sotto controllo con isendu: la nostra piattaforma, infatti, ti permette di vedere ogni ordine che viene effettuato qualsiasi sia la piattaforma che utilizzi così che, se possiedi più canali di vendita, potrai avere un quadro della situazione ordini semplicemente da un’unica schermata. Non male vero?

Sappiamo quanto possa risultare difficile gestire un proprio business in totale autonomia ed è per questo che riteniamo che un aiuto possa davvero fare la differenza tra un buon lavoro e uno discreto. Se aspiri anche tu a ottenere il primo di questi, allora prenota subito una demo gratuita!

Condividi l'articolo
Marco Pericci

Scritto da:

Marco Pericci

Head of Growth

Esploratore di utenti. Sogno un mondo in cui l’Automazione renda felice l’Uomo

Illustrazione di:

Francesco Zorzi

Illustratore, Visual Designer, Direttore Creativo

Illustratore, visual designer, direttore creativo con un background multidisciplinare in architettura e grafica, si divide fra Firenze e New York. I suoi lavori vengono pubblicati su giornali e riviste come The Wall Street Journal, The Boston Globe, AdAge, La Stampa tra gli altri. È creative director di isendu, di cui ha curato il progetto di redesign.

Francesco Zorzi

Let’s keep in touch!

Ogni giorno siamo dalla parte
delle aziende che vendono online.
Non perderti le nostre risorse
pensate per crescere insieme.