HS Code: cos’è e a cosa serve il codice armonizzato

Export, Spedire online

Di Marco Pericci /

illustrazione di Francesco Zorzi

HS Code: cos’è e a cosa serve il codice armonizzato

HS Code: un linguaggio universale, conosciuto in quasi tutto il mondo, elemento di fondamentale importanza per l’import ed export di ogni tipologia di merce. 

Se anche tu vendi all’estero, o se stai pensando di farlo, oppure anche se devi iniziare a gestire da zero le tue spedizioni e stai cercando di orientarti, imparerai presto a comunicare utilizzando questa stringa di numeri in grado di descrivere ogni prodotto che transita dalla dogana

La funzione di questo codice è proprio istituire una nomenclatura universale e condivisa: oggi vediamo meglio di cosa si tratta, per imparare anche dove trovarlo, come utilizzarlo e come interpretare le informazioni in esso contenute. 

Da dove nasce la necessità di classificare le merci

Prova ad immaginare la quantità di merci che ogni giorni passa dalla dogana. Immagina anche la quantità di diversi Paesi da cui proviene e, soprattutto, immagina che tutto ciò che transita ogni giorno, per permettere il libero commercio tra gli Stati, deve essere riconosciuto, catalogato, registrato e approvato per il transito, anche grazie a specifici documenti come la bolla doganale.

Comprendiamo subito, quindi, che per gestire un apparato così complesso e per permettere la circolazione di merci a livello globale è necessaria una modalità condivisa: questo sistema esiste, e si chiama codice armonizzato, detto HS (Harmonized System) Code.  

L’HS code, detto anche commodity code, permette di individuare e catalogare rapidamente, e soprattutto senza errore, tutte le tipologie di merci che entrano ed escono dai confini nazionali. 

L’Organizzazione Mondiale delle Dogane (World Customs Organization) è l’organismo internazionale che si occupa proprio di gestire questo complesso meccanismo di import-export: tutela le merci che transitano da un paese all’altro, supervisiona i diritti di chi le vende, contrasta attività illecite e contrabbando e difende così il diritto al libero mercato. 

Al giorno d’oggi fanno parte della WCO 170 Stati in tutto il mondo, tra cui anche l’Italia. 

Altro apparato di fondamentale importanza quando si parla di scambi internazionali, è l’Unione Doganale Europea, l’istituto che agevola gli scambi commerciali tra le imprese dell’Unione, armonizza i dazi provenienti dai Paesi extra UE e riunisce i 27 Paesi dell’Unione Europea, considerandoli un’unica entità commerciale

Cos’è il codice armonizzato (Codice HS)

È quindi facile immaginare che deve esistere un HS Code per ogni prodotto commercializzabile: c’è un HS code per gli animali vivi, per i prodotti vegetali, minerali, agricoli e industriali, il codice per le materie tessili, per i giocattoli, gli oggetti d’arte, e molto altro. 

Una volta che – tramite l’HS code – la merce viene individuata alla dogana, si applicano i dazi, ovvero le tasse doganali. 

Per definizione, la voce doganale è una stringa numerica, a 6 o 10 cifre, che identifica in modo univoco e condiviso a livello internazionale un determinato prodotto: la convenzione in vigore codifica le merci proprio tramite l’HS Code

Come vedremo meglio tra poco, le prime 6 cifre del codice descrivono lo standard internazionale di armonizzazione delle voci, le cifre dalla 7 alla 10 sono inerenti alla nomenclatura interna all’Unione Doganale Europea. 

A cosa serve il codice HS

Come abbiamo detto, il codice serve a identificare i prodotti che entrano o escono da uno stato per essere commercializzati. L’HS Code ha anche altre funzionalità:

  • calcolare l’aliquota doganale da pagare per spedire e ricevere le merci 
  • applicare altre misure di fiscalità, come l’IVA o le sovrimposte di confine 
  • sapere se vengono applicate misure restrittive ai prodotti che commerci.

In sintesi, grazie allo standard HS, le aziende di tutto il mondo – quindi anche la tua! – che vogliono vendere all’estero o importare merce proveniente da altri Stati possono commerciare sapendo che i prodotti sono tutelati, e che sono stati rispettati gli obblighi fiscali. 

Altro aspetto importante da considerare sono i dati statistici che si possono ricavare: grazie all’HS Code è più facile sapere quanti pezzi di un singolo prodotto sono entrati o usciti da un singolo stato in un solo giorno, in un mese o in un anno. 

Questi numeri sono fondamentali per calcolare la mole, il valore e l’impatto dell’import-export di un Paese, oltre che per monitorare le abitudini dei consumatori e i trend di cambiamento nel tempo

Grazie a queste specifiche, insomma, si ha una panoramica generale e soprattutto condivisa a livello internazionale delle movimentazioni di merce a livello mondiale: se vuoi sapere i numeri di import/export di un Paese in un cui sei interessato a espandere il tuo mercato, potrai accedervi grazie alle elaborazioni di dati fatte tramite l’HS Code. 

Un esempio di HS Code

Per capire come è strutturato il Codice Armonizzato, il modo migliore è partire da un caso pratico: ipotizziamo che tu sia un produttore di giocattoli hadmade in legno per bambini

Il codice di riferimento, secondo lo standard internazionale, è il 9503, che identifica “Tricicli, monopattini, automobiline a pedali e giocattoli a ruote simili; carrozzelle e passeggini per bambole; bambole; altri giocattoli; modelli ridotti e modelli simili per il divertimento, anche animati; puzzle di ogni specie”.

Tra i codici HS di tuo interesse ci saranno, per esempio:

  • 9503003910 ovvero “Trenini elettrici, comprese le rotaie, i segnali ed altri accessori; modelli ridotti, anche animati, da montare” nella specifica voce che li definisce “di legno, fatti a mano”. Se fossero di un altro materiale, per esempio di materia plastica, la voce sarebbe 9503003500 

E ancora 

  • 9503005510 “Strumenti ed apparecchi musicali aventi le caratteristiche di giocattoli” nella voce “di legno, fatti a mano”.

E così via.

Come accennato in precedenza, le prime 6 cifre definiscono la classificazione armonizzata del prodotto condivisa tra i Paesi Aderenti alla convenzione, le cifre dalla settima alla decima descrivono invece la Nomenclatura Combinata e il Codice Taric necessari all’interno dell’Unione Doganale Europea. 

Come cambia il codice HS da paese a paese

Ad oggi, oltre 200 Paesi del mondo hanno adottato la convenzione internazionale del Sistema Armonizzato: come abbiamo detto poco sopra, le cifre 7-10  sono inoltre necessarie per identificare la merce che transita all’interno dell’Unione Doganale Europea. 

Le cifre finali possono cambiare a seconda del Paese verso cui si esporta: ecco perché il codice HS non è sempre uguale, e va quindi verificato attentamente con il cliente, il partner o il broker con cui si sta commercializzando. 

Tabella HS Code: a quali prodotti si applica

Il Sistema Armonizzato, come abbiamo detto, si applica a tutte le merci che è possibile comprare e vendere. Potete trovare la classificazione nella tabella qui sotto. 

IAnimali vivi e prodotti del regno animale
IIProdotti del regno vegetale
IIIGrassi e oli animali o vegetali; prodotti della loro scissione; grassi alimentari lavorati; cere di origine animale o vegetale
IVProdotti delle industrie alimentari; bevande, liquidi alcolici e aceti; tabacchi e succedanei del tabacco lavorati
VProdotti minerali
VIProdotti delle industrie chimiche o delle industrie connesse
VIIMaterie plastiche e lavori di tali materie; gomma e lavori di gomma
VIIIPelli, cuoio, pelli da pellicceria e lavori di queste materie; oggetti di selleria e finimenti; oggetti da viaggio, borse, borsette e contenitori simili; lavori di budella
IXLegno, carbone di legna e lavori di legno; sughero e lavori di sughero; lavori di intreccio, da panieraio o da stuoiaio
XPaste di legno o di altre materie fibrose cellulosiche; carta o cartone da riciclare (avanzi o rifiuti); carta e sue applicazioni
XIMaterie tessili e loro manufatti
XIICalzature, cappelli, copricapo ed altre acconciature, ombrelli (da pioggia o da sole), bastoni, fruste, frustini e loro parti; piume preparate e oggetti di piume; fiori artificiali; lavori di capelli
XIIILavori di pietre, gesso, cemento, amianto, mica o materie simili; prodotti ceramici; vetro e lavori di vetro
XIVPerle fini o coltivate, pietre preziose (gemme), pietre semipreziose (fini) o simili, metalli preziosi, metalli placcati o ricoperti di metalli preziosi e lavori di queste materie; minuterie di bigiotteria; monete
XVMetalli comuni e loro lavori
XVIMacchine ed apparecchi, materiale elettrico e loro parti; apparecchi di registrazione o di riproduzione del suono, apparecchi di registrazione o di riproduzione delle immagini e del suono in televisione, parti ed accessori di questi apparecchi
XVIIMateriale da trasporto
XVIIStrumenti ed apparecchi di ottica, per fotografia e per cinematografia, di misura, di controllo o di precisione; strumenti ed apparecchi medico-chirurgici; orologeria; strumenti musicali; parti ed accessori di questi strumenti o apparecchi
XIXArmi, munizioni e loro parti ed accessori
XXMerci e prodotti diversi
XXIOggetti d’arte, da collezione o di antichità

Fonte: Giornale ufficiale dell’ Unione Europea

Ogni categoria è associata a una voce numerica della sezione, che a sua volta è declinata nei codici HS corrispondenti. In questo elenco ci sono sicuramente anche i prodotti che vendi – o vorresti vendere – nel tuo e-commerce: infatti, vedremo tra poco come fare a trovare l’HS code corrispondente agli articoli di tuo interesse. 

Sul sito AIDA (Automazione Integrata Dogane Accise) è possibile accedere a tutte le informazioni tariffari necessarie per commercializzare in libera pratica: dazi, fiscalità nazionale, misure economiche e la nomenclatura completa. 

Come trovare il codice HS delle merci

Come accennato, il documento relativo ai codici internazionali è reperibile dal sito AIDA, effettuando alcuni semplici passaggi: 

  • cliccare in alto a destra su “Nomenclature” 
  • scegliere “Taric”.

A questo punto si potrà scegliere se 

  • effettuare la ricerca visualizzando l’intera tabella: in questo caso dovrai scegliere la voce “Indice Taric” e cliccare sul numero di codice corrispondente al prodotto che cerchi. Si aprirà quindi una pagina dedicata a quella specifica voce doganale, con tutte le declinazioni di codici HS inerenti
  • effettuare la ricerca per parola chiave, scegliendo la voce “Ricerca per parole”. Proseguendo con l’esempio fatto in precedenza, digitando il prodotto “Trenino” comparirà la voce 9503 “Tricicli, monopattini, automobiline a pedali e giocattoli a ruote simili; carrozzelle e passeggini per bambole; bambole; altri giocattoli; modelli ridotti e modelli simili per il divertimento, anche animati; puzzle di ogni specie”. Cliccando sul numero di codice troverai poi tutte le declinazioni, tra cui anche quella di tuo interesse. 

Questo documento, come potrai osservare, è organizzato in 21 sezioni divise in 99 capitoli, per un totale di oltre 5.000 tipologie di merci. La nomenclatura viene aggiornata costantemente, motivo per cui il nostro consiglio è di verificare sempre l’esatto HS Code. 

HS Code: da quali elementi è composto

Come già detto, il codice armonizzato può essere a 6 o 10 cifre: fino alle prime 6 cifre ci troviamo all’interno dello standard internazionale, nelle successiva entriamo nella competenza dell’Unione Doganale Europea. Vediamo meglio questa distinzione.

Codice HS a 6 cifre

I primi 6 numeri del codice, oltre ad identificare il prodotto in modo univoco e condiviso, descrivono anche la posizione che occupa all’interno della nomenclatura:

  • le cifre 1 e 2 indicano il capitolo
  • le cifre 3 e 4 segnalano la posizione all’interno del capitolo
  • la cifra 5 è la sottovoce 
  • la cifra 6 indica la sottoclassificazione.     

Codice HS a 10 cifre

Il Codice HS a 10 cifre ha quindi 4 numeri in più. Ciò avviene perché:

  • la settima e ottava cifra sono riferite alla Nomenclatura Combinata, che descrive le declinazioni tariffarie e statistiche dell’Unione Doganale Europa, composta da circa 9.500 voci. 
  • le nona e decima cifra si riferiscono in particolare alla Taric – Tariffa Integrata Comunitaria, che comprende tutte le misure e le tariffe che vanno applicate alle merci import/export dell’Unione Europea. 

Esempi di codici a 10 cifre sono quelli che abbiamo visto precedentemente rispetto ai giocattoli in legno fatti a mano, nella cui stringa di numeri sono quindi comprese anche Nomenclatura Combinata e TARIC. 

Spedizioni nazionali e internazionali: fatti aiutare da isendu

Ora che hai compreso l’importanza dell’HS Code e abbiamo visto insieme come rintracciarlo e applicarlo alla merce, è sicuramente più facile comprendere che ti servirà ogni volta che organizzi spedizioni internazionali.

Sia che tu abbia già espanso il tuo e-commerce oltre i confini italiani, sia che l’internazionalizzazione sia tra i tuoi progetti futuri, sarà fondamentale utilizzare correttamente questa nomenclatura.

Ogni volta che dovrai spedire un prodotto, l’HS Code andrà comunicato al corriere che hai scelto, e inserito tra i dati necessari per generare la documentazione di accompagnamento, come ad esempio la lettera di vettura.

In isendu siamo pronti a supportarti nella gestione dello shipping nazionale e internazionale. La piattaforma semplifica i processi di ordini e spedizioni, ti permette di automatizzare le spedizioni del tuo e-commerce, di far crescere il tuo e-commerce e ti fornisce dati e informazioni preziosi per fare business intelligence. 

Connettendo tutti i canali di vendita digitale con i siti dei corrieri, isendu è lo strumento che ti serve per risparmiare molto tempo, creare valore e far crescere il tuo negozio online.

Condividi l'articolo
Marco Pericci

Marco Pericci

Head of Growth

Esploratore di utenti. Sogno un mondo in cui l’Automazione renda felice l’Uomo

Let’s keep in touch!

Ogni giorno siamo dalla parte
delle aziende che vendono online.
Non perderti le nostre risorse
pensate per crescere insieme.