E-commerce tips

Come tracciare un pacco

Di Lando Barbagli /

illustrazione di Francesco Zorzi

Come tracciare un pacco

Il processo di acquisto online è fatto di tanti momenti diversi: innanzitutto, c’è la fase della scelta, in cui il cliente naviga tra le schede prodotto e decide cosa acquistare. In questo primo momento, sono tanti gli aspetti che concorrono al processo decisionale: facilità dell’esperienza di navigazione, chiarezza dei contenuti, completezza delle informazioni, senza dimenticare le leve emotive che influiscono sulla motivazione alla base della scelta. 

Poi c’è il momento di acquisto vero e proprio, durante il quale l’utente fornisce i propri dati e paga: qui la decisione è già stata presa, e ciò può fare davvero la differenza tra un’esperienza di acquisto piacevole e una stressante è la facilità e la velocità di compilazione dei form e del servizio di pagamento scelto per la transazione. 

Una volta che il prodotto è stato acquistato, inizia la fase più delicata, ovvero quella in cui il pacco – che di fatto è già proprietà del cliente – è affidato al corriere: in questo momento l’esperienza di acquisto si basa su un atto di fiducia che permette all’utente di dire: “Il mio pacco è in viaggio, e io so che arriverà nei modi e nei tempi che mi sono stati promessi”.

Questa fase è fatta di tutto ciò che intercorre tra il click di acquisto e l’attimo in cui il corriere suona il campanello, ed è compito di chi organizza la spedizione far sì che tutto proceda nel modo più agevole possibile

Ed è proprio qui che entra in gioco l’importanza del tracciare il pacco: attraverso il tracking number – codice numerico che identifica in modo univoco la spedizione – l’utente può sapere esattamente dove si trova il prodotto acquistato, quale tragitto sta compiendo e quando verrà consegnato.

Il numero di tracciamento è quindi un servizio che rassicura il compratore e dimostra l’affidabilità sia dello shop online che del corriere che è stato scelto come partner per la spedizione

Noi di isendu ci occupiamo quotidianamente di snellire processi di spedizione, e proprio per questo sappiamo quanto è importante la fase in cui il pacco è in viaggio: abbiamo quindi deciso di dedicare una guida alla gestione del tracking, per spiegare come tracciare un pacco e come funziona il tracciamento sul sito dei principali corrieri. 

“Non riesco a tracciare un pacco”: cosa fare?

Ho effettuato un online su un sito di un negozio online o su un marketplace. Ho ricevuto la conferma di avvenuto pagamento, il mio ordine è andato a buon fine. Ho ricevuto anche la conferma di avvenuta spedizione: il mio pacco è in viaggio!

A questo punto voglio sapere a che punto è l’evasione dell’ordine e quando lo riceverò. 

Oppure – altra situazione che può presentarsi – passano alcuni giorni e il pacco non arriva: cerco informazioni sullo stato dello shipping ma non le trovo, e non riesco a tracciare l’ordine. 

Che fare? Innanzitutto, niente panico!

Prima di temere che ci sia stato un problema con il corriere, o ancora peggio che il pacco si sia perso (situazione molto rara!) si possono fare alcune verifiche:

  • Innanzitutto, cerca nella tua casella e-mail tutte le comunicazioni che hai ricevuto dallo shop online o dal marketplace dove hai acquistato il prodotto
  • Verifica anche se ti sono arrivate comunicazioni via sms e, se hai a disposizione un’app – per esempio l’app di Amazon, eBay o Etsy – effettua un check anche lì 
  • Controlla se tra i vari avvisi che ti sono arrivati c’è quello che contiene il codice di tracciamento del pacco: è molto probabile che sia ma, se non c’è, allora la spedizione è sprovvista di tracking. Ma anche in questo caso, no panico: come vedremo c’è comunque soluzione 
  • Se trovi il codice di tracciamento, potrai verificare lo stato della tua spedizione direttamente sul sito del corriere inserendo la stringa di numeri nella sezione dedicata: tra poco ti spiegheremo come rintracciare i tuoi ordini dai siti dei principali servizi di logistica attivi nel nostro Paese.

Se il codice di tracciamento non c’è, o non trovi comunicazioni a riguardo, hai comunque a disposizione diverse soluzioni: innanzitutto, puoi metterti in contatto con l’e-commerce dove hai acquistato la merce e chiedere info riguardo al corriere e a come ha organizzato la spedizione. In alternativa, se sai qual è il corriere, puoi contattare il servizio clienti e risalire allo stato del tuo ordine. O ancora, se hai acquistato tramite marketplace come Etsy o eBay puoi metterti in contatto con il venditore o con il servizio clienti, e se hai acquistato su Amazon puoi contattare il centro assistenza logistica

Cos’è la tracciabilità di un pacco e come funziona il tracking

Come abbiamo visto, questo servizio fondamentale nel mondo dell’e-commerce, permette – sia al cliente che al venditore – di sapere, dove si trova la merce che è stata spedita tramite il corriere

È grazie al tracking che siamo informati del fatto che il pacco è arrivato al centro smistamento e che è stato poi spedito verso l’indirizzo del destinatario, ed è sempre grazie al tracking che sappiamo quando verrà effettuata la consegna. E se il delivery ritarda, oppure fallisce per qualche motivo? Anche in questo caso, è proprio il servizio di tracciabilità che ci informa su eventuali problematiche.

Insomma, la tracciabilità è parte fondamentale sia del processo di spedizione che dell’esperienza dell’utente: in poche parole, un tracking chiaro, aggiornato e ben gestito aumenta lasoddisfazione dei tuoi clienti

Come funziona, quindi, questo importante procedimento?

Nel momento in cui l’e-commerce affida al corriere la spedizione della merce, sarà il corriere stesso a fornire:

  • il numero di tracking, ovvero la stringa di numeri che identifica quella – e solo quella! – determinata spedizione, permettendo quindi di seguire il viaggio verso l’acquirente dei prodotti 
  • il numero della lettura di vettura, documento che accompagna la spedizione e nella quale si trova il codice waybill, ulteriore numero univoco assegnato.

Come viene comunicato al cliente il codice di tracking?

Come accennato, questo codice viene generalmente comunicato tramite mail, sms oppure con una notifica nell’App del corriere.

Inserendo questi codici, in particolare quello di tracciamento, nell’apposito campo sul sito del corriere, verrà comunicata la posizione del pacco ed eventuali altre notizie riguardo allo stato della spedizione

Sia per il corriere che si occupa della logistica, che per il venditore che lo ha scelto come partner per le spedizioni, questa fase è molto delicata: nel momento in cui il pacco è in viaggio, la fiducia del cliente deve rimanere al massimo.

Attenzione, però: non tutti i sistemi di spedizione prevedono l’emissione del codice di tracciamento. Se un e-commerce opta per una tipologia di shipping che non include il codice di tracking, il cliente non potrà osservare il percorso che i suoi acquisti stanno facendo, ma solo essere informato sulla data presunta di consegna.

Proprio per questo, il nostro consiglio è – se possibile – di scegliere spedizioni complete di questo servizio.

Come tracciare un pacco spedito dall’Italia

Monitorare la spedizione di un pacco spedito dall’Italia non è complicato: proprio come vedremo tra poco, utilizzando il numero di tracking, tramite il sito del corriere, si otterranno rapidamente tutte le informazioni necessarie. 

Se invece non si sa chi si occupa della logistica, si può contattare il venditore o il servizio clienti del marketplace per ricevere informazioni e procedere con la ricerca. 

Come tracciare un pacco spedito dall’estero

Tracciare il viaggio di un pacco che arriva dall’estero non è diverso che farlo se la merce arriva dall’Italia: dovremo ovviamente sapere chi è il corriere a cui è stato affidato lo shipping, dopodiché potremo procedere nel medesimo modo.

Inoltre, dato che quando si tratta di spedizioni internazionali il ventaglio di possibilità si amplia, facendo alcune ricerche online si trovano portali specializzati nell’agevolare il tracking su scala estera. 

Come tracciare un pacco Amazon

Tracciare un pacco acquistato su Amazon è piuttosto semplice: è sufficiente visitare la sezione “traccia il mio pacco”, e cliccare il bottone “i miei ordini”. Si verrà direttamente reindirizzati alla pagina di riepilogo dei propri ordini sul marketplace, e in corrispondenza di ognuno ci sarà il bottone “traccia il mio pacco”. Cliccandoci sopra si apre una pagina dedicata alla singola spedizione, con tutte le informazioni relative anche allo spostamento della merce.  

Anche in questo caso, Amazon si distingue per intuitività e semplicità dell’interfaccia: come ben sappiamo, siamo nel mondo del re delle spedizioni, che ha tutto l’interesse a soddisfare al 100% i suoi utenti

Inoltre, Amazon invia anche via mail un avviso quando l’ordine viene preparato, poi quando viene spedito e infine quando viene consegnato, chiedendo anche una rapida recensione per sapere come è stata l’esperienza di consegna

I venditori Amazon possono invece tracciare lo stato delle loro spedizioni in diversi modi: se si affidano al programma Amazon FBA, e utilizzando quindi il servizio di logistica interno, faranno riferimento direttamente alla loro consolle venditori.

Se invece vendono tramite Amazon ma gestiscono in autonomia la propria logistica, seguiranno il tracking tramite il corriere scelto

Come tracciare un pacco eBay

Chi acquista un prodotto su eBay può controllare lo stato della spedizione consultando la specifica sezione dedicata, dove si trovano tutte le indicazioni per procedere, sia come utente registrato che come ospite.

È importante sapere che è possibile verificare il numero di tracking solo se il venditore ha scelto una spedizione con tracciamento

eBay fornisce anche ai venditori le informazioni per tracciare i pacchi affidati ai corrieri, sia che si tratti di spedizioni in Italia che all’estero. 

Questo marketplace dà inoltre la possibilità ad acquirenti e shop di scambiarsi messaggi per tenersi informati sullo status della spedizione, e farsi reciprocamente domande se necessario. 

Come tracciare un acquisto effettuato tramite Etsy

Il tracciamento su Etsy funziona in modo simile a eBay: il cliente può visitare la sezione sul sitodedicata alle informazioni utili a tracciare il proprio pacco, operazione che sarà ovviamente possibile se il venditore ha scelto una spedizione con tracciamento. 

Anche su Etsy è possibile contattare direttamente il venditore per chiedere informazioni sulla spedizione e sui tempi di consegna. 

Come possiamo osservare, i più grandi marketplace al mondo pongono molta attenzione alla fase che intercorre tra la spedizione e la consegna, dando possibilità sia a chi acquista che a chi vende di monitorare il meglio possibile il viaggio della merce: anche da questo capiamo quanto questa fase sia davvero di primaria importanza. 

I principali servizi di tracking offerti dai corrieri 

Come abbiamo detto, se si conosce il codice di tracciamento, tramite il sito del corriere si possono ricavare le principali informazioni sul percorso che sta compiendo il nostro pacco. Vediamo ora insieme, in una rapida guida riepilogativa, come funziona il servizio di tracking messo a disposizione dai principali corrieri attivi sul territorio nazionale. 

Poste Italiane

Per rintracciare un pacco spedito tramite Poste Italiane, è sufficiente andare sul sito e compilare l’apposito campo di ricerca. Se la spedizione è tracciata, comparirà subito un’infografica che comunica lo stato di avanzamento dell’ordine e il percorso che il pacco sta facendo.

Bartolini

Anche Bartolini mette a disposizione dei clienti un’apposita area online per rintracciare la spedizione: è possibile inserire il codice di tracciamento, il BRTcode (un codice identificativo che viene associato dal corriere stesso) oppure, se si è clienti registrati, il proprio ID utente. 

Inoltre, Bartolini ha un servizio clienti molto attivo che permette di ricevere informazioni sia telefonicamente che via mail. 

UPS

Dal sito di UPS, corriere particolarmente efficiente anche per le spedizioni internazionali, è possibile monitorare il tracking di un pacco tramite una semplice barra di ricerca. Una volta inserito il numero, compariranno tutte le informazioni. 

DHL

Stesso discorso per DHL: sarà sufficiente inserire il codice – o i codici, perché è possibile fare anche ricerche multiple – e compariranno tutte le informazioni sul viaggio della merce.

SDA

Anche SDA ha questa immediatezza e semplicità di utilizzo: sul sito si trova il campo di ricerca, dal quale è possibile sia rintracciare la spedizione, che verificare il ritiro. 

FedEx

FedEx, servizio di logistica specializzato in spedizioni in tutto il mondo, fornisce diverse opzioni per monitorare lo stato dello shipping. Si può inserire il codice di tracciamento, oppure il numero della lettera di vettura, tramite il numero assegnato ai colli e al codice dell’ordine di acquisto. Inoltre, si può ottenere una prova dell’avvenuta consegna chiedendo di visionare la firma apposta dal destinatario. 

Come dicevamo, tracciare un pacco – avendo a disposizione il codice di tracciamento – non è complicato. Sicuramente, uno dei fattori che concorre alla scelta del partner giusto a cui affidare le spedizioni di un e-commerce è anche la gestione del processo di tracking e della fase di viaggio della merce.

Noi di isendu sappiamo bene quanto sia importante avere sotto controllo tutti questi aspetti: proprio per questo abbiamo elaborato funzionalità come la dashboard per gestire al meglio il tuo shop online, analizzare con attenzione il processo di acquisto dei clienti e soddisfare al meglio le loro necessità. 

Condividi questo articolo

Credits

Lando Barbagli

Lando Barbagli
CEO di isendu

Amo creare aziende che creano un forte senso di appartenenza.

Let’s keep in touch!

Ogni giorno siamo dalla parte
delle aziende che vendono online.
Non perderti le nostre risorse
pensate per crescere insieme.