Come gestire un e-commerce senza sprechi e costi nascosti

illustrazione di Francesco Zorzi

Come gestire un e-commerce senza sprechi e costi nascosti

Entra in isendu!

Growth

Lando Barbagli

Lando Barbagli

·

0Shares

Dati i cambiamenti di scenario e le sempre più numerose opportunità offerte dalla tecnologia, per retailer e aziende è piuttosto normale pensare di espandere il proprio mercato con un canale di vendita online.

Se lo hai pensato anche tu sappi che è un’ottima idea, ma dovrai rimboccarti le maniche: creare e far crescere un e-commerce, almeno all’inizio, non sarà più facile che avere a che fare con un punto vendita fisico. Dovrai occuparti di aspetti commerciali, di marketing e, soprattutto, di logistica e gestione degli ordini e delle spedizioni. La tecnologia alla quale ti affiderai e le partnership che stringerai influiranno non poco sulla buona riuscita del tuo progetto.

Ci sono degli aspetti ai quali forse non hai ancora pensato e che, a seconda di come li affronterai, potrebbero complicarti o semplificarti di molto le cose. L’obiettivo di questa guida su come gestire un e-commerce è proprio questo: mostrarti quali scelte strategiche compiere per far sì che il tuo business proceda a vele spiegate.

Come gestire un e-commerce: 7 consigli per abbattere i costi e aumentare i risultati 

Se è vero che gestire un e-commerce a dovere porta con sé interessanti opportunità di business, è anche vero che non dovrai mai abbassare la guardia. Rischi come dover sostenere costi troppo alti o impostare processi di vendita troppo lunghi e dispersivi si nascondono sempre dietro l’angolo. Sulla base della nostra esperienza al fianco di aziende di piccole e grandi dimensioni, vogliamo quindi fornirti alcuni spunti per aiutarti a crescere mantenendo sotto controllo i costi e migliorando i profitti.

Semplificare la logistica  

Il primo suggerimento su come gestire un sito e-commerce punta al cuore della questione: se hai un canale di vendita sul web ti accorgerai che semplificare la logistica diverrà ben presto una parola d’ordine.

Retailer e aziende in cerca di soluzioni logistiche per il proprio business online devono scegliere partner in grado di facilitare loro la vita. In particolare, il consiglio è ricorrere a chi utilizza tecnologie in grado di trasformare operazioni come le seguenti in attività immediate, semplici e a prova di errore:

  • Connessione con le piattaforme dei corrieri
  • Razionalizzazione dei costi
  • Gestione delle spedizioni
  • Riassortimento dei punti vendita

Visualizzare e monitorare lo status degli ordini, verificare i nuovi acquisti ed eventualmente intervenire laddove emergono delle criticità rappresenta la normale amministrazione per chi entra nel mondo dell’e-commerce. Poter gestire tutte queste attività in modo semplificato e intuitivo, però, non è da tutti. Lo stesso discorso vale per le spedizioni e le consegne, altro tema fatidico che può lasciare adito a qualche intoppo. Anche in questo caso, riuscire a semplificare la logistica grazie all’uso di piattaforme intuitive e tecnologie all’avanguardia ti garantirà consegne rapide, tracciabili e costi contenuti. Di conseguenza, ti permetterà di lavorare meglio e, soprattutto, di soddisfare i tuoi clienti.

Scegliere tecnologie intuitive e immediate

Vuoi scoprire come gestire un e-commerce? Sappi che parte tutto da questo punto.

Per vendere online deve affidarti a una tecnologia in grado di supportarti in ogni fase del processo. E, come dicevamo prima, di semplificarti la vita.

Poter lavorare con un’interfaccia intuitiva, facile da usare e da gestire sarà il primo vero passo verso un migliore e maggiore controllo degli ordini, delle spedizioni, delle consegne, delle scorte e delle notifiche provenienti dai clienti. Che, se riceveranno il loro ordine nei tempi stabiliti e senza imprevisti, saranno ben felici di recensire positivamente il tuo servizio e ripetere gli acquisti in futuro sui tuoi canali. In poche parole, la soluzione che cerchi deve essere in grado di rispondere a tutte le tue esigenze, ma anche alle loro.

Ricorrere a modelli di gestione scalabili 

Un modello scalabile è la risposta migliore che si possa dare a chi si chiede come gestire un sito di e-commerce. Se così non fosse, rischieresti seriamente di compromettere la buona riuscita del tuo business.

La scalabilità del modello di gestione implica, infatti, la flessibilità, la sicurezza e, non ultima, la velocità dei processi. Implica l’utilizzo di tecnologie in grado di facilitare di molto il tuo lavoro e quello dei tuoi fornitori e, ancora una volta, la possibilità di ridurre i margini di errore.

La risposta di Isendu a questa necessità risiede soprattutto nel ricorso a una tecnologia serverless. A differenza della maggior parte dei siti della concorrenza, infatti, la piattaforma di Isendu non è realizzata in linguaggio PHP che, oltre a essere obsoleto, può generare problemi di sicurezza e si rivela inefficace nel gestire i picchi di lavoro. Isendu ha optato per una tecnologia più intuitiva, che consente una gestione più fluida degli ordini e permette di apportare aggiornamenti e integrazioni in modo molto più immediato e flessibile.

Utilizzare processi che riducono i margini di errore  

Nella gestione di un sito e-commerce anche un solo errore può costarti la reputazione e, di conseguenza, la perdita di un cliente. Per tua fortuna, esistono tecnologie talmente semplici ed efficienti che permettono di ridurre al minimo, anzi annullare del tutto, i margini di errore. Questo, grazie a un approccio prettamente centrato sul venditore, che punta ad accompagnarlo in ogni fase della gestione degli ordini e delle consegne. Isendu, ad esempio, ha sintetizzato tutto questo nella formula semplicissima del One-Click Shipping: basta un click per generare l’etichetta di spedizione e consegnare i tuoi prodotti in tutto il mondo.

Automatizzare i processi  

Il tempo è denaro. Per chi si occupa di gestire siti e-commerce, un ottimo modo per risparmiare sui costi è automatizzare i processi. E non parliamo solo delle attività legate al controllo e al monitoraggio degli ordini ma anche alle fasi di post vendita. Pensa, ad esempio, a cosa potrebbe passare nella testa di un acquirente che ha speso centinaia di euro per un ordine del quale da diversi giorni non ha più notizie. O ai clienti che si vedono recapitare nella propria casella di posta elettronica mail asettiche e senza un briciolo di personalizzazione.

Ecco, l’automatizzazione dei processi ti permette di intervenire tempestivamente in situazioni come queste, ad esempio quando è necessario aggiornare il cliente sullo stato della sua consegna. Rimanere in silenzio o far passare troppo tempo tra una comunicazione e l’altra è altamente sconsigliato: quanto ci vorrà, secondo te, prima che qualcuno inizi a lamentarsi sui social e a mettere in cattiva luce l’azienda presso la quale ha acquistato? (In questi casi, infatti, a risentirne è sempre il brand e quasi mai il corriere o chi ha gestito la piattaforma).

Favorire l’integrazione tra i canali di vendita

Come gestire un e-commerce sgomitando in un mercato competitivo e impegnandosi per far crescere il proprio business? Anche a questo Isendu ha trovato una risposta, ed è l’integrazione tra i diversi canali di vendita (offline e online). Questo comporta la possibilità di seguire ogni cliente in tutto il suo percorso di acquisto e contribuire a migliorare la sua esperienza nel suo negozio sul web.

Potrebbe trattarsi di un’integrazione tra sistema gestionale, software ERP e marketplace, o di migliorare la comunicazione e i processi tra magazzino e corrieri. Qualunque sia l’esigenza, il consiglio è quello di affidarsi a chi può assicurare soluzioni iper-customizzate in cui ogni elemento della catena di montaggio dialoghi alla perfezione con gli altri e in cui non si perda nemmeno un passaggio.

I vantaggi sono innegabili: dove c’è un sistema perfettamente integrato si riducono in modo significativo i margini di errore e il rischio di duplicazioni, migliorano le comunicazioni con clienti e fornitori ed è possibile aggiornare in modo più automatico le schede anagrafiche dei clienti. Con dirette conseguenze in termini di risparmio di tempo e crescita dei profitti.

Puntare sul customer care come leva strategica  

Chi possiede un canale e-commerce sa bene che vendere non basta. L’atto dell’acquisto non rappresenta l’ultimo step e neanche l’unico obiettivo. Il cliente, infatti, va curato, assecondato, soddisfatto, affinchè torni a fare shopping sul tuo portale. In poche parole, devi puntare alla sua fidelizzazione.

Pertanto, la strategia di gestione del customer care è un punto cruciale quando si sceglie il partner della gestione del proprio canale e-commerce. L’ideale è individuare chi può affiancarti lungo tutto il processo di vendita e acquisto aiutandoti a sfruttare a pieno ritmo le capacità della tua piattaforma ma anche offrendoti un supporto completo alla crescita del business. E un business cresce anche grazie a una corretta gestione delle fasi di post vendita. La soddisfazione e la fiducia dei clienti, infatti, generano il passaparola e, nel tempo, portano alla ricorsività negli acquisti. Un elemento, questo, che in settori particolari come quello della moda gioca un ruolo fondamentale.

Dalle indicazioni che ti abbiamo fornito avrai dedotto che non è affatto un gioco da ragazzi capire come gestire un e-commerce. Vogliamo però tranquillizzarti: con il partner giusto riuscirai non solo a semplificarti il lavoro ma anche a ottimizzare tempi e risorse e, soprattutto, ad abbattere i costi. In breve tempo, vedrai migliorare nettamente le prestazioni del tuo canale di vendita online e aumentare i profitti. In questo modo, far crescere il tuo business, oltre che riempirti di soddisfazioni, diverrà anche un’attività piacevole da condurre.

Lando Barbagli

Lando Barbagli -
CEO

I’m passionate about building companies that give people a stronger sense of belonging

0Shares