Come ottimizzare le spedizioni di un e-commerce

illustrazione di Francesco Zorzi

Come ottimizzare le spedizioni di un e-commerce

Entra in isendu!

Growth

Marco Pericci

Marco Pericci

·

0Shares

Secondo alcune ricerche, in Italia e nel mondo, il settore dell’e-commerce è in costante crescita sia per numero di utenti che acquistano online e sia in termini di fatturato.

Tuttavia, chi gestisce un canale di vendita sul Web non dovrebbe mai dormire sonni tranquilli: il pericolo di abbandono è sempre dietro l’angolo, persino da parte di chi è a un passo dal cliccare sul fatidico bottone “Acquista”. Perché questo succede? Chiaramente, i fattori che intervengono sulla scelta finale di comprare o meno possono essere tanti; secondo alcuni dati, però, a incidere particolarmente sono le spese di spedizione, ritenute spesso così tanto elevate da giustificare l’abbandono del carrello all’ultimo momento. Vediamo quindi cosa si può fare per ottimizzare le spedizioni di un e-commerce e fare in modo che i costi non siano troppo onerosi né per chi gestisce il sito e né per il potenziale acquirente.

Gestione spedizioni e-commerce: consigli per l’ottimizzazione

L’ottimizzazione delle spedizioni di un e-commerce è un obiettivo fondamentale nell’ottica di contenere i costi e ridurre il più possibile gli sprechi.

La riduzione dei costi è legato a diversi fattori e non dipende esclusivamente da chi gestisce il canale online. Tuttavia, affinché il sito porti a risultati importanti in termini di vendite e affinchè il cliente sia ampiamente soddisfatto della sua esperienza d’acquisto ci sono alcuni elementi molto importanti che è bene considerare per assicurarsi la crescita (senza intoppi) del proprio business online.

Qui di seguito, ecco i consigli di Isendu per migliorare lo stato delle spedizioni di un e-commerce.

Quali fattori considerare nella scelta del corriere per e-commerce

La scelta dei corrieri per e-commerce non è mai banale, ma richiede una certa responsabilità. Dalla condotta della ditta di spedizioni non dipende solo l’esito del tuo lavoro ma anche l’esperienza d’acquisto del tuo cliente.

Se sei nuovo del mestiere e hai aperto da poco il tuo canale e-commerce, potresti iniziare il processo di selezione del corriere consultando i comparatori di tariffe che si trovano online. Oppure, basarti sulle recensioni e sulle esperienze positive di chi ha già usufruito di questi servizi.

Ricorda, infatti, che il corriere scelto deve essere soprattutto affidabile ed efficiente. In secondo luogo, deve essere in grado di offrirti alta qualità a prezzi ragionevoli, in modo che le spedizioni del tuo e-commerce non diventino eccessivamente costose.

Scegli un partner che possa assicurarti tempi rapidi di consegna e che ti permetta di spedire ovunque: a tal proposito, è bene optare per aziende che possiedono diverse filiali sul territorio. O, in alternativa, potresti valutare di collaborare con più ditte, a seconda delle destinazioni delle tue merci e del tipo di prodotti che intendi spedire.

Un altro elemento da prendere in considerazione nella scelta del corriere è la possibilità di usufruire di servizi aggiuntivi: potrebbe farti molto comodo avere a disposizione la spedizione prioritaria, l’opportunità di sfruttare la giacenza delle merci o la consegna personalizzata.

Infine, accetta ancora un consiglio: per gestire il rapporto con i tuoi corrieri di fiducia puoi rivolgerti a Isendu, che utilizza una piattaforma integrata per permetterti di controllare lo stato degli ordini e delle spedizioni con un click. Oltre a comunicare sia con i tuoi marketplace e sia con le imprese che si occupano delle spedizioni, dalla dashboard di Isendu potrai monitorare costantemente e con facilità tutte le fasi del processo di vendita e consegna dei prodotti.

Come ridurre i costi delle spedizioni per e-commerce

Il costo delle spedizioni non deve soffocare né te e né, tantomeno, gli acquirenti del tuo canale e-commerce. A questo devi prestare particolare attenzione e tenere a mente quello che si diceva all’inizio di questo articolo, e cioè che la maggior parte degli abbandoni del carrello nell’ultimissima fase dell’acquisto sono dovuti proprio ai costi di spedizione giudicati troppo elevati.

Cosa puoi fare per ridurre questi costi?

Diamo per scontato che tu abbia già selezionato il tuo corriere (o i tuoi corrieri) di fiducia anche su base economica. A questo punto, per prima cosa, in virtù di una collaborazione che si auspica lunga e proficua, puoi sempre provare a negoziare con i partner scelti le tariffe per le spedizioni e-commerce. O a chiedere loro sconti e offerte speciali sulla base delle merci che dovrete inviare.

Per avere un ulteriore risparmio potresti ottimizzare le spedizioni scegliendo un corriere diverso a seconda, ad esempio, della mole delle spedizioni, o della destinazione finale delle merci.

Ancora, un altro modo per ridurre i costi è intervenire su packaging e imballaggi: puoi infatti risparmiare pur mantenendo alto il livello del servizio e la qualità dei materiali utilizzati (ad esempio scegliendo delle confezioni più adatte al peso e alla forma dell’oggetto da spedire o ricorrendo a imballaggi più leggeri). 

Come gestire il magazzino e i resi

L’ottimizzazione delle spedizioni per e-commerce passa anche da una corretta gestione del magazzino e dei resi.

La gestione del magazzino comporta principalmente il monitoraggio delle attività di carico e scarico, e dunque dei movimenti delle merci in entrata e di quelle in uscita. Il tutto, con un occhio di riguardo per le pratiche di registrazione di ogni movimento e la relativa documentazione di accompagnamento di ogni prodotto.

Per quanto riguarda la gestione dei resi, questione spesso alquanto spinosa, è bene che sia regolamentata da una politica chiara e ben definita, della quale ogni cliente deve essere messo al corrente. Se il tuo acquirente sa di avere il diritto di restituire una merce che per un determinato motivo non si è rivelata all’altezza delle sue aspettative, deve poter contare su un servizio di restituzione ed eventualmente sostituzione rapido, flessibile e senza costi nascosti. Al gestore dell’e-commerce spetterà il compito di procedere con il disbrigo delle pratiche e la consueta registrazione della merce che è rientrata in magazzino.

Uno sguardo al futuro delle spedizioni e-commerce

Come cambieranno le cose, da qui a qualche anno, per il settore degli acquisti online e della filiera logistica che lo riguardano?

L’e-commerce è destinato a una forte accelerazione e a grandi cambiamenti. Con grande probabilità, vendere online richiederà la collaborazione di partner in grado di semplificare profondamente i processi di acquisto, in nome di concetti come l’integrazione e l’automatizzazione dei processi e la gratificazione dell’utente.

Sarà importante fornire a chi gestisce un e-commerce programmi dedicati e strumenti a supporto della crescita.

Isendu ha già iniziato a muoversi in questa direzione: la dashboard che mette a disposizione di retailer e aziende è in grado di controllare ogni fase del processo. Consente di sfruttare al massimo le potenzialità dell’e-commerce, di gestire al meglio l’omnicanalità e aumentare la percezione di affidabilità del brand e la soddisfazione dei clienti. In poche parole, Isendu è in grado di offrire uno strumento strategico al servizio del presente e del futuro del business.

Marco Pericci

Marco Pericci -
Head of Growth

Esploratore di utenti. Sogno un mondo in cui l’Automazione renda felice l’Uomo

0Shares